Tartellette di patate viola, curcuma e frutto del cappero

Tartellette di patate viola, curcuma e frutto del cappero
di Sergio Maria Teutonico

Queste particolari tartellette uniscono il piacere per il finger food a quello per il buon cibo. Le tartellette sono preparate con una semplice pasta aromatizzata al marsala che, dopo essere stata cotta, viene farcita con un delizioso ripieno a base di patate viola. Il frutto del cappero conferirà la giusta acidità e sapidità.
Ultima e importante cosa: sporcherete molto poco! Giusto il ripiano per impastare, il robot e una teglia, e il risultato sarà da veri chef!

Ingredienti

Per la base:
300 g farina 00
150 g burro
60 g marsala
5 g sale fine

Per il ripieno:
200 g patate viola
100 g formaggio grana grattugiato
50 g burro
cucunci (frutti del cappero)
curcuma in polvere
sale
pepe

tartellette-di-patate-viola-curcuma-e-frutto-del-cappero
Preparare la base- sul piano di lavoro disporre la farina a fontana quindi incorporarvi il burro ammorbidito e gli altri ingredienti. Formare un impasto liscio e plastico che dovrà riposare per circa trenta minuti coperto con un panno pulito.
Dopo il riposo ricavarne un cilindro del diametro di tre centimetri circa che sarà tagliato in fette dello spessore di un centimetro circa. Con ognuna delle fette ricavate andare a foderare degli stampini mono porzione, in alternativa utilizzare dei pirottini di carta piccoli. Disporre gli stampini su teglia e infornare a 160°C per 20 minuti circa.
Una volta cotti sfornare e lasciare che raffreddino prima di toglierli dagli stampi.

Il ripieno – lessare le patate dopo averle lavate e sbucciate. Quando lo saranno metterle in un mixer ancora calde e frullarle. Aggiungere il formaggio grattugiato, il burro e regolare di sale e di pepe ricavandone un composto liscio che si lascerà raffreddare. Disporre il ripieno con l'aiuto di una sac a poche con bocchetta rigata (1 cm di diametro sarebbe perfetto) sulle tartellette decorandole con un cucuncio e una spolverata di curcuma.

ISCRIVITI AI NOSTRI CORSI DI CUCINA

Nessun commento ancora

Lascia un commento

X