Filetto di merluzzo in panatura di Parmigiano Reggiano e erbe aromatiche


Filetto di merluzzo in panatura di Parmigiano Reggiano e erbe aromatiche

Filetto di merluzzo in panatura di Parmigiano Reggiano e erbe aromatiche
di Sergio Maria Teutonico

Una ricetta facile facile ma così facile che se vi dico che ci mettete dieci minuti a prepararla non mi credete, e invece è così!
Avete presente i filetti di merluzzo? Quelli che non sai mai come fare, siano essi freschi o surgelati ci danno sempre una sensazione di tristezza. Ecco, e se invece li facessimo panati con dell’ottimo Parmigiano Reggiano e erbe aromatiche? La svolta!
Croccantissimi fuori grazie alla farina di polenta, morbidi e caldi dentro. Potete servirli con un purè di patate o un’insalata di pomodori classica!

Ingredienti:

Filetti di merluzzo già in porzione
Parmigiano Reggiano Grattugiato
uova
farina di polenta bianca
prezzemolo
sale
pepe
poco burro

Filetto di merluzzo in panatura di formaggio

 

Sul tagliere disporre le foglie del prezzemolo cospargendole di farina di polenta, una presa di pepe nero, poco sale e del Parmigiano Reggiano.

Tritare quindi al coltello gli ingredienti fino a quando il prezzemolo non sarà finissimo e perfettamente mescolato con il resto.
Mettere dunque il composto in un piatto piano.

Adesso sbattere le uova in un altro piatto aiutandosi con una forchetta.
Passare i filetti di merluzzo nell’uovo e poi panarli con cura nel trito di Parmigiano Reggiano.

Per avere una panatura più spessa ripetere l’operazione due volte.
Soffriggere del burro in una padella e appena pronto dorare con cura i filetti di merluzzo panati.

Lavorate i filetti di merluzzo con delicatezza in modo che non si rompano, anche l’occhio vuole la sua parte.

Una volta cotti, ci vorranno circa 5 minuti, posarli su carta da cucina per asciugarli e poi servirli subito accompagnati dal contorno che si preferisce, noi suggeriamo una fresca e semplice insalata di pomodori con olio, sale, origano e un pochino di aceto di vino.

ISCRIVITI AI NOSTRI CORSI DI CUCINA

Nessun Commento

Commenta